Valore Cultura: c'è una legge per la musica dal vivo

Valore Cultura: c'è una legge per la musica dal vivo

Una legge per la musica dal vivo, per semplificare l'organizzazione di concerti di piccole dimensioni e incentivare i giovani emergenti. Se ne parla da anni, e adesso è realtà. 

 

Finalmente una buona notizia per chi suona dal vivo in Italia. Il 3 ottobre la Camera ha ratificato il decreto "Valore Cultura", e fare musica live adesso è più facile. Nessuna autorizzazione o licenza per eventi entro le 200 persone che finiscano entro le 24, tanto per dirne una. Non è poco, non è affatto poco.

 

La norma nasce su impulso di una petizione online, lanciata da Stefano Boeri e che ha raggiunto oltre 36mila firme.

 

Non solo, ci sono vantaggi anche per il resto del settore: l’introduzione di una “tax credit” con l’aggiunta dell’applicazione del credito d’imposta al 30%, agevolazioni fiscali per le etichette discografiche e defiscalizzazzione per gli artisti emergenti circa le spese di sviluppo, produzione, digitalizzazione e promozione delle prime e seconde opere.

 

Per restare aggiornati sugli sviluppi della normativa, si può seguire su Facebook e su Twitter l'hashtag #piumusicalive

 

Leggi i dettagli su Melodicamente.com

 

 

Commenta

Login o registrati per inviare commenti

Commenti

Ottima notizia!

Devo dire la verità, ho aderito alla petizione senza grandi speranze, più perchè non costava niente che perchè pensavo potesse valere davvero... e invece sta nascendo qualcosa di positivo. Spero possa essere solo un primo messaggio per un'ondata di minore pressione burocratica per le arti di libera espressione!

copyright guitar praxis tutti i diritti riservati